Preghiera romanesca

Poesia di Dario Pece.

Gentilissima redazione, rinnovo i ringraziamenti e le invio in allegato un'altra mia poesia in vernacolo romanesco per l'angolo dei lettori, sperando che sia come le altre meritevole di pubblicazione. Distinti saluti, 
Dario Pece

Preghiera romanesca

Ero 'n omo travorto dar peccato
poi grazzie a Te, o Signore, so' rinato.
Pe' mezzo de la Fede me so' accorto
ch'er tu' amore pe' me nun è mai morto.

E la tu' immenza misericordia
ovunque e comunque me l'aricorda:
ogni giorno, in ogni strada, ogni vorta
ne la mente, nell'anima e ner core.

Ora fai in modo che 'sto granne amore
che ciò pe' Te, p'er monno e pe' la vita
diventi un robusto ed eterno fiore
de speranza e libbertà infinita.

Nu' lassamme mai e poi mai ne l'obblio 
finché te donerò tutto er core mio,
perché vojo esse solo un tuo strumento
p'ammazzà le tenebbre cor tormento.

Te chiedo pietà, famme 'sto gran dono,
la mia felicità è er tuo perdono.
Nu' me lassà ner fango der rimorzo,
viemme ad ajutà, sì, viemme in soccorzo!

Onnipotente mio Signore Iddio
vojo sortanto sortì da l'obblio
de la mia maledetta piccolezza,
vive de la sconfinata bellezza

che c'è ner messaggio de Cristo Gesù
p'elevamme, pe' volà ancor più su
de 'sta logorante quotidianità
tramortita da troppa banalità.

Co' umirtà te dico che so' mijore
da quanno ho rincontrato Te, o Signore,
e no pe' li vicoli o tra la gente,
ma drento ar core mio e ne la mente.

Ora er tu' amore me dà coraggio,
forze me fa diventà ancor più saggio
e me innica la santa retta via
pe' sarvà me stesso, l'anima mia.

Data di aggiornamento: 29 Giugno 2018