In una foto

a cura di Andrea Semplici

Dedicato a Mario Dondero

La fotografia è un racconto. È una maniera per avvicinarsi alla gente. È una necessità: mostrare la vita. «Più di mille parole», diceva Walter Benjamin, anche se io penso che le parole siano più che necessarie. È attenzione, curiosità, relazione. È contraddizione perché dovrebbe essere lenta e ingenua in questo modo sempre connesso di selfie e velocità. Il fotografo dovrebbe andare a piedi, e come Mario Dondero, non avere patente.

L’incontro con una giovane donna a una festa di matrimonio, in Palestina, ospite improvviso di un banchetto sul monte dei vigneti circondato dal Muro. E le domande fioccano.

12 Marzo 2017 | di

Terra inesplorata abitata da gente sorprendente è il canto gregoriano. Un linguaggio di corpi immobili, eppure in movimento. Passione che all’unisono, come le voci, dà parola al divino.

26 Febbraio 2017 | di

La fabrica de poemas apre per una settimana in Nicaragua. Accade durante il festival internazionale della poesia. In migliaia vengono a Granada per ascoltare le parole dei poeti del mondo.

13 Febbraio 2017 | di

So della fatica di chi vive di pesca, so dell’allarme lanciato dai biologi marini. Amo il mare e i suoi abitanti. Per questo ho scelto una foto senza trucchi.

25 Gennaio 2017 | di

Un popolo nomade in cammino al confine con l’Etiopia, una nuvola nel paesaggio arido, una foto per portare un po’ di loro con sé.

03 Gennaio 2017 | di

I re Magi, oggi, non potrebbero raggiungere la capanna dove sono Maria e Giuseppe. Gesù può davvero nascere a Betlemme?

22 Dicembre 2016 | di

Pagine