Bénédicte Lutaud

Le donne dei Papi

12 Marzo 2022 | Recensione di
Le donne dei Papi
Scheda del libro
Guerini e Associati
2022
€ 22,00

Bénédicte Lutaud, giornalista di «Le Figaro», specializzata in questioni vaticane, è l’autrice dell’interessante volume Le donne dei Papi. Un libro intelligente, a tratti ironico, ma equilibrato e misurato, dove però nulla della verità giornalistica viene sacrificato al «politicamente corretto». In queste pagine la giornalista francese tratteggia le figure di cinque donne che, dal XX secolo e fino a oggi, hanno avuto un ruolo di rilievo come consigliere, amiche, sodali di Pontefici. Donne forti, con caratteri a tratti spigolosi e rigidi, ma proprio grazie ai quali, forse, hanno saputo ritagliarsi uno spazio in un mondo che, ancora oggi, per le donne è tutt’altro che facile. «Nel corso della mia indagine – scrive l’autrice –, ho scoperto decine di personaggi femminili che hanno segnato la storia contemporanea del Vaticano. […] Ho scelto donne più vicine a noi» attraverso le quali «gli eredi al trono di Pietro modificarono la loro visione del “sesso debole” e difesero, ciascuno a suo modo, il loro indispensabile ruolo in seno alla società».

Si tratta di donne che hanno sempre lavorato dietro le quinte, «per discrezione, umiltà o contro la loro volontà»: da madre Pascaline Lehnert, potente presenza accanto a Pio XII, all’archeologa Hermine Speier, ebrea convertitasi al cattolicesimo vicina a Pio XI e Pio XII; dalla psichiatra Wanda Póltawska, quasi una sorella per Giovanni Paolo II, a suor Tekla Famiglietti, alleata in materia diplomatica e grande amica del Papa polacco, per giungere alla storica Lucetta Scaraffia, fondatrice del primo inserto femminil/femminista dell’«Osservatore Romano», «Donne Chiesa Mondo», vicina a Benedetto XVI e a papa Francesco. Donne «resistenti», che hanno saputo reagire a dicerie e bassezze, in nome di un femminile che è giunto finalmente il tempo di valorizzare nei fatti, anche nella Chiesa.

Data di aggiornamento: 12 Marzo 2022