26 Febbraio 2020

Fidarsi è bene, affidarsi è meglio...

Con l'inizio della Quaresima impariamo ad affidarci a Dio che, in questo tempo «propizio», vuole allargare gli orizzonti della nostra vita.
Quaranta giorni per crescere.
Quaranta giorni per crescere nella fede.
Coompia77/Getty Images

Affidarsi cioè a questo tempo «propizio» che ci si apre davanti: la Quaresima. Perché ci fidiamo poco di noi stessi e dei nostri buoni propositi, che durano il tempo di un sospiro. Ci fidiamo poco dei nostri sogni, che sonnecchiano in qualche dimenticato cassetto della nostra frustrata esistenza.

E, se siamo onesti con noi stessi (ma esiste ancora la virtù dell’onestà?), ci fidiamo poco pure del conto in banca o dei metri quadri dei nostri possedimenti, perché sappiamo che nulla di ciò ci difenderà dalla malattia e, tanto meno, ci terrà lontani da sorella morte (e, tutto sommato, non siamo nemmeno del tutto convinti che ci dia la vera felicità, visti i casini nei quali siamo impelagati).

Ed allora vogliamo invece affidarci al buon Dio, che in questi 40 giorni vuole allargare gli orizzonti della nostra vita, renderla più bella, più semplice e sobria, perché ricevuta continuamente in dono da lui e dalle persone con cui viviamo, e ridata altrettanto continuamente in dono a lui e ai fratelli. Un percorso per crescere. Un percorso per ridare fiato alle nostre esistenze. Un percorso per sentirsi amati e per amare.

Data di aggiornamento: 26 Febbraio 2020
Lascia un commento